Dove acquistare i tensioattivi? Fornitori di agenti tensioattivi.

Si tratta di sostanze multifunzionali con una struttura unica, utilizzate sia nell’industria che nella vita di tutti i giorni. A causa dell’ampia gamma di applicazioni di questi composti, il mercato dei tensioattivi è un settore importante dell’economia in Polonia e nel mondo.

I nostri
tensioattivi

In risposta allo sviluppo dinamico del settore e alle crescenti richieste dei clienti, gli esperti dei nostri laboratori sviluppano costantemente nuove soluzioni per vari settori e settori di mercato. Filtra per applicazione, settore o composizione e trova i tensioattivi di tuo interesse.
Mercati e applicazioni
Pokaż więcej
 
 
Pokaż więcej Pokaż mniej
Funzione
Pokaż więcej
 
 
Pokaż więcej Pokaż mniej

Cosa sono i tensioattivi?

I tensioattivi (agenti tensioattivi) sono sostanze versatili con una struttura unica, utilizzate sia nell’industria che nella vita di tutti i giorni.

I tensioattivi sono anche chiamati tensioattivi. Il nome deriva dalla parola latina ‘tensus’, che significa ‘stirato’, e caratterizza la capacità dei tensioattivi di ridurre la tensione superficiale di un liquido.

Una proprietà caratteristica dei tensioattivi è la capacità di formare micelle. Una micella (lat. mica ‘briciola’, micella ‘piccola briciola’) è un gruppo di particelle tensioattive o ioniche in una soluzione, organizzate solitamente in forma sferica. A seconda del solvente, le loro parti idrofile o idrofobe si trovano nella sezione esterna o interna della micella. La loro formazione è accompagnata, tra l’altro, da un cambiamento nella tensione superficiale, nella pressione osmotica e nella conduttanza elettrica.

I tensioattivi sono talvolta equiparati ai detergenti. Dobbiamo sottolineare che questa convinzione è errata. I tensioattivi sono gli ingredienti primari dei detersivi, ovvero degli agenti di pulizia, lavaggio e lavaggio. Oltre ai tensioattivi, i detergenti contengono anche altre sostanze chimiche, come cariche attive e passive e additivi. Per questo motivo, la definizione di tensioattivo dovrebbe essere utilizzata per identificare specie chimiche costituite da due frazioni: idrofobica e idrofila.

Quali tipi di tensioattivi distinguiamo?

I tensioattivi che, dissociandosi in acqua, producono anioni o cationi, o quando la loro carica dipende dal pH dell’ambiente, sono classificati come tensioattivi ionici . D’altra parte, i tensioattivi che hanno frazioni che non sono in grado di dissociarsi sono agenti tensioattivi non ionici .
CLASSIFICAZIONE IN BASE A STRUTTURA/CARICA

A seconda della loro struttura, o più precisamente della carica che i tensioattivi ionici raggiungono in soluzioni acquose, si dividono in quattro tipologie.

Tensioattivi ionici

Anionici

hanno un frammento idrofilo che ha una carica negativa . Sono caratterizzati da proprietà pulenti e lavanti. Si trovano nelle formulazioni detergenti liquide e in polvere. Hanno proprietà schiumogene e bagnanti. Hanno un lieve effetto irritante sulla pelle. Spesso richiedono un’aggiunta di tensioattivo per migliorare la viscosità della formulazione.

Cationici
hanno una ‘testa’ carica positivamente Sono caratterizzati da proprietà condizionanti, antistatiche e battericide.
Anfoteri
hanno cariche positive e negative nella loro parte tensioattiva. Svolgono funzioni di formazione della schiuma, stabilizzazione della schiuma, emulsionante e bagnante. Limitano l’effetto irritante della pelle delle sostanze chimiche, senza causare irritazione. Compatibile con tensioattivi anionici. Caratterizzato da pronta biodegradabilità.

Tensioattivi non ionici

Non ionici
il frammento idrofilo non ha carica. Questi composti sono caratterizzati da proprietà emulsionanti, bagnanti e disperdenti. Sono in grado di stabilizzare la schiuma in acque dure. Forniscono un effetto sinergico con i tensioattivi anionici. Sono caratterizzati da pronta biodegradabilità. Presentano un effetto irritante più debole rispetto ai tensioattivi anionici.
CLASSIFICAZIONE SECONDO IL VALORE HLB

Un altro modo per classificare i tensioattivi è distinguerli per le loro proprietà applicative in base al valore HLB. Secondo il metodo di calcolo sviluppato da Griffin, l’ equilibrio idrofilo-lipofilo (HLB) definisce una quota percentuale di frazioni idrofile nella massa totale di un tensioattivo. Questa scala può assumere valori da 0 a 20.

Più basso è il valore HLB di un agente tensioattivo, migliore è la sua solubilità negli oli e in altri composti idrofobici. Al contrario, più alto è il valore HLB, più un composto è idrofilo: la sua solubilità in acqua aumenta, mentre la sua solubilità negli oli diminuisce.

I tensioattivi sono classificati in 7 gruppi con diverse applicazioni, a seconda dei loro valori HLB:

  • agenti antischiuma – valore HLB 0–2,
  • emulsionanti acqua-in-olio ( W/O ) – valore HLB 3–6,
  • agenti bagnanti – valore HLB 7–9,
  • emulsionanti olio in acqua ( O/W ) – valore HLB 8–15,
  • detersivi e detergenti – valore HLB 12–15,
  • agenti schiumogeni – valore HLB 14–18,
  • solubilizzanti – valore HLB 12–18.

La classificazione secondo i valori HLB facilita la selezione dei tensioattivi giusti come ingredienti nelle formulazioni per applicazioni specifiche.

Quali proprietà e funzioni hanno i tensioattivi?

I tensioattivi hanno una struttura chimica varia. Di conseguenza sono caratterizzati da un’intera gamma di proprietà e hanno molte funzioni diverse. Queste sostanze sono quindi utilizzate in quasi tutti i settori. Un singolo tensioattivo di solito ha proprietà multiple, che influiscono sul suo utilizzo finale. La corretta selezione delle materie prime è fondamentale nella produzione di tensioattivi. È questa fase che decide i parametri e le proprietà fisico-chimiche dei tensioattivi risultanti, e quindi il loro successivo utilizzo. Ad esempio, il bucato e gli agenti di lavaggio utilizzano tensioattivi con eccellenti proprietà schiumogene e bagnanti, mentre i cosmetici utilizzano tensioattivi che sono buoni emulsionanti.

Dopo la dissoluzione o la dispersione in un liquido, i tensioattivi vengono adsorbiti al confine di fase , modificando la tensione superficiale interfase. Questi composti hanno anche una qualità comune che consente loro di formare micelle . I tensioattivi sono caratterizzati dalla resistenza agli effetti degli alcali e dell’acqua dura.

Solubilità del tensioattivo in acqua

A causa della loro struttura idrofila-idrofoba , i tensioattivi sono solubili in molti solventi diversi.

La solubilità degli agenti tensioattivi ionici deriva dalla loro capacità di dissociarsi e produrre ioni. La solubilità dei tensioattivi non ionici appartenenti ai gruppi dei composti poliossietilenici o poliossipropilenici è invece causata dalla formazione di una rete di legami idrogeno tra molecole d’acqua e ossigeno etereo.

La solubilità nei composti polari deriva dalla presenza del frammento idrofilo nella molecola. Tuttavia, più lunga e meno ramificata è la catena idrocarburica, minore diventa la solubilità in acqua.

La solubilità in acqua dei tensioattivi può essere regolata modificando la loro struttura. L’aumento della solubilità è possibile introducendo nella molecola una porzione poliossietilenata o attraversando il punto di Krafft, che è una particolare temperatura al di sopra della quale si verifica un improvviso aumento di solubilità dovuto alla formazione di micelle. La solubilità in acqua di un agente tensioattivo può essere ridotta incorporando ossido di propilene nella sua struttura.

La solubilità in acqua del tensioattivo è anche direttamente correlata al valore dell’equilibrio idrofilo-lipofilo (HLB).

Tensione superficiale del tensioattivo

La tensione superficiale è una forza che agisce sul confine interfase . È una quantità costante caratteristica per ogni singolo liquido, fortemente dipendente dalla temperatura e dall’ambiente con cui il liquido è a contatto. La tensione superficiale è il risultato di uno squilibrio delle forze che agiscono sulle molecole situate sulla superficie del liquido e nella sua massa.

Le molecole di tensioattivo vengono adsorbite sulla superficie della fase liquida, posizionandosi con le loro teste polari verso la massa del liquido, e con la coda idrofoba verso l’aria. Come risultato di una tale disposizione delle molecole, la tensione superficiale di un liquido si riduce . Quando viene aggiunta una quantità maggiore di tensioattivo, le sue molecole si disperdono nell’intera massa del liquido in modo non ordinato, fino a superare la concentrazione micellare critica (CMC) . Le molecole iniziano quindi ad organizzarsi in forme sferiche chiamate micelle .

Quando la concentrazione di un tensioattivo in una soluzione aumenta, la sua tensione superficiale scende ad un certo livello e rimane costante, indipendentemente da qualsiasi successivo aumento di concentrazione. I tensioattivi non ionici sono i più efficaci nel ridurre la tensione superficiale.

Conoscere la concentrazione critica delle micelle è molto importante quando si utilizzano agenti tensioattivi. Questo perché determina la concentrazione soglia più adatta per l’uso in un prodotto per un dato tensioattivo.

I metodi che consentono di misurare la tensione superficiale includono il metodo stalagmometrico, il metodo della risalita capillare e il metodo della pressione massima delle bolle.

Proprietà schiumogene dei tensioattivi

Le proprietà di produzione di schiuma dei tensioattivi è la capacità dei tensioattivi di produrre schiuma. La loro misura è il volume di schiuma prodotta da una soluzione contenente tensioattivi in condizioni specifiche. Questa proprietà degli agenti tensioattivi deriva dalla loro capacità di disporsi in micelle e di stabilizzare le bolle d’aria.

Nei liquidi puri non si verifica alcun processo di formazione di schiuma. Per produrre schiuma si introduce aria o altro gas in un liquido con un opportuno tensioattivo. Le molecole di tensioattivo vengono quindi ordinate sul confine dell’interfase liquido-gas. Se la concentrazione di tensioattivo nella soluzione è elevata, le molecole del tensioattivo si dispongono perpendicolarmente al confine della fase liquido-gas. Le “teste” idrofile si posizionano verso la massa del liquido, mentre le “code” idrofobe puntano verso l’aria. Quando le bolle di gas vengono rilasciate dalla fase liquida, le molecole di tensioattivo vengono adsorbite sulla superficie del gas, formando una schiuma.

La capacità dei tensioattivi di formare schiume dipende da diversi fattori, come la concentrazione e la struttura chimica del tensioattivo, il valore del pH della soluzione, la presenza di altri ingredienti nella soluzione, nonché la durezza dell’acqua. Le molecole di tensioattivo con una catena alchilica lunga 12-15 atomi, o con una catena poliossietilenica contenente 10-12 gruppi ossietilene, hanno le migliori proprietà di formazione di schiuma. D’altra parte, le molecole di tensioattivo con una catena alchilica più corta di 10 o più lunga di 16 atomi di carbonio hanno le peggiori proprietà di formazione di schiuma.

La capacità schiumogena di ogni tensioattivo può essere regolata modificando la sua struttura. L’inserimento di una frazione di poliossipropilene nella molecola di un tensioattivo consente di ridurne la formazione di schiuma, mentre un’aggiunta di ossido di etilene aumenta la capacità di formazione di schiuma di un tensioattivo.

Le proprietà di produzione di schiuma dei tensioattivi svolgono un ruolo importante in molte applicazioni industriali , ad esempio flottazione minerale, produzione di detergenti e nell’industria alimentare. In alcuni casi, la formazione di schiuma è indesiderabile o addirittura dannosa. Questo fenomeno è un ostacolo principalmente nell’industria tessile, nei processi di lavaggio e lavaggio industriale e nelle lavatrici domestiche automatiche. Per rimuovere o limitare la capacità schiumogena del tensioattivo, è possibile utilizzare un’aggiunta di agenti antischiuma (ad es. preparazioni siliconiche o determinati agenti tensioattivi non ionici).

I tensioattivi che appartengono agli agenti antischiuma hanno un valore di equilibrio idrofilo-lipofilo compreso tra 1,5 e 3. Quando viene testata la capacità di produzione di schiuma dei tensioattivi, vengono valutate la stabilità e la densità della schiuma oltre al suo volume.

Proprietà bagnanti dei tensioattivi

La bagnabilità è un’altra qualità caratteristica degli agenti tensioattivi. Grazie alla capacità delle molecole di ridurre la tensione superficiale tra un liquido e un solido, e di rimuovere l’aria dalle superfici solide, la deliquescenza delle goccioline di liquido sulla superficie è notevolmente aumentata. In altre parole, la bagnabilità è la capacità delle molecole dei tensioattivi e delle loro soluzioni di diffondersi sulla superficie su cui vengono applicate. Un risultato di questo fenomeno è una barriera di energia abbassata tra la soluzione e la superficie bagnata. Questo fenomeno porta ad una maggiore area di contatto, che migliora l’efficacia e la velocità di un dato processo.

Quando si confronta un liquido puro con uno con l’aggiunta di un tensioattivo, è chiaramente visibile una differenza nelle aree occupate da entrambe le gocce.

Grazie alle proprietà bagnanti dei tensioattivi, i tessuti possono essere bagnati con acqua più velocemente , il che accelera il processo di lavaggio. Questa qualità è utilizzata anche in agrochimica (ad es. bagnatura della superficie fogliare con il liquido spruzzato), nell’industria delle vernici e delle vernici e nell’industria delle costruzioni.

La quantità che descrive la capacità di un liquido di bagnare i solidi è l’angolo di bagnatura , che è l’angolo tra la superficie bagnata e la goccia di bagnatura. Quando l’angolo è uguale a zero, significa bagnatura totale di una data superficie dalla goccia di liquido. Un angolo 0° < Θ < 90° è caratteristico per liquidi parzialmente bagnanti, mentre angoli 90° < < 180° indicano liquidi parzialmente non bagnanti. I liquidi completamente privi di capacità di bagnatura hanno un angolo di bagnatura di 180°.

Emulsione

L’emulsione comporta la formazione di una sospensione di due sostanze mutuamente insolubili e immiscibili, di cui almeno una liquida. Come risultato di questo processo si forma un sistema dispersivo eterogeneo , una cosiddetta emulsione . Se entrambi i componenti sono liquidi, l’emulsione è una sospensione di goccioline di una fase nell’altra. Un liquido è la fase continua o esterna, l’altro è la fase dispersa o interna. Tuttavia, affinché un tale sistema sia stabile, è necessario utilizzare un tensioattivo, che avvolga le goccioline di un liquido, separandole dall’altra fase e impedendo loro di combinarsi in aggregati più grandi. Ciò avviene grazie all’ordinamento delle molecole dei tensioattivi. Si dispongono con la testa idrofila verso il solvente polare, e con la coda idrofoba verso la fase apolare. Si formano così le emulsioni olio-in-acqua , dove la fase continua è acqua polare con una fase oleosa non polare dispersa, o viceversa – emulsioni W/O, cioè acqua-in-olio .

Il termine emulsione non può essere utilizzato per descrivere miscele di gas o solidi in liquidi, sospensioni di composti d’argento in liquidi (cosiddetta emulsione fotografica) e miscele utilizzate nei motori a combustione (cosiddetta emulsione aria-carburante).

L’affinità dell’emulsionante alla fase oleosa e alla fase acquosa è data dal parametro HLB (equilibrio idrofilo-lipofilo). Il suo valore determina se uno specifico agente tensioattivo è migliore per stabilizzare le emulsioni acqua-in-olio o olio-in-acqua. Gli emulsionanti con un HLB inferiore a 10 stabilizzano solitamente le emulsioni acqua-in-olio, mentre gli emulsionanti con un HLB maggiore di 10 stabilizzano le emulsioni olio-in-acqua.

Durante un processo di emulsionamento, la stabilità delle emulsioni risultanti e la loro facilità di formatura sono questioni importanti. Gli emulsionanti possono avere una serie di proprietà e applicazioni utili per la funzione prevista. I requisiti posti agli emulsionanti includono: riduzione della tensione superficiale al confine tra le fasi, prevenzione del fenomeno di inversione, stabilizzazione dell’emulsione e assenza di tossicità o odore. Di solito, i singoli emulsionanti possiedono solo alcune delle proprietà desiderate, quindi viene spesso utilizzata una miscela di emulsionanti adatti.

La capacità di formare emulsioni consente l’utilizzo dei tensioattivi in molti settori. Con questo fenomeno siamo in grado di produrre cosmetici, vernici, adesivi, vernici e plastiche. Inoltre, i tensioattivi sono utilizzati come emulsionanti nei settori metallurgico, alimentare, dell’estrazione di risorse, del carburante, tessile, chimico, edile e in molti altri.

detergenza

La detergenza è un processo di rimozione delle impurità . Avviene con la partecipazione di tensioattivi, che circondano le particelle di sporco, posizionandosi con le code non polari, cioè le loro catene idrocarburiche verso di esse. Successivamente, rompono lo sporco dalla superficie e lo circondano da tutti i lati, formando una micella . Un’emulsione così prodotta permette di rimuovere facilmente le impurità.

Si noti che i tensioattivi mostrano un effetto sinergico se combinati con altri agenti tensioattivi. Il sinergismo è un fenomeno in cui l’effetto di due o più componenti è maggiore della somma dei loro effetti individuali presi separatamente.

Dove vengono utilizzati i tensioattivi?

Per la loro varietà e struttura peculiare, i tensioattivi sono molto utilizzati. Trovano applicazioni sia nella vita di tutti i giorni che nell’industria. Nelle situazioni quotidiane, si trovano in detersivi per piatti, pitture, vernici, adesivi, cosmetici, prodotti per l’igiene personale e molti altri. I tensioattivi svolgono una varietà di funzioni nelle formulazioni chimiche già pronte. I più importanti includono: lavaggio e pulizia, bagnatura, emulsionamento, dispersione, schiumatura, riduzione della schiuma, regolazione del pH e altri. Inoltre migliorano le proprietà applicative, la stabilità e l’efficacia dei prodotti finiti. Se utilizzati nei processi industriali, migliorano la loro efficienza ed efficacia. Grazie alle loro proprietà e all’ampia gamma di applicazioni, i tensioattivi sono uno dei gruppi di sostanze chimiche più importanti e comuni presenti nella vita quotidiana delle persone. Migliorano notevolmente il tenore di vita e consentono continui progressi nell’industria.

I tensioattivi nei prodotti cosmetici possono svolgere una serie di funzioni. Questi includono la rimozione delle impurità dalla superficie della pelle e la produzione di schiuma attiva. I tensioattivi possono essere utilizzati anche come agenti solubilizzanti, regolatori di pH, emulsionanti in emulsioni acqua-in-olio e olio-in-acqua, agenti umettanti e antischiuma.

Ogni famiglia ha prodotti che non potrebbero svolgere il loro ruolo senza tensioattivi. Tali prodotti includono saponi, gel doccia, dentifrici, shampoo, lozioni per il corpo, creme e cosmetici colorati. I tensioattivi consentono di pulire la pelle da polvere, microbi patogeni, cellule dell’epidermide spellate, impurità lipofile, come l’eccesso di siero, e impurità idrofile, come i sali minerali, che sono componenti del sudore.

Come per i prodotti cosmetici, utilizziamo quotidianamente i detersivi nelle nostre case. Bisogna ricordare che ci consentono non solo di mantenere pulite le nostre famiglie, ma anche le strutture industriali e di accesso pubblico. I tensioattivi utilizzati nell’industria dei detersivi si trovano, ad esempio, nelle polveri per bucato, liquidi e capsule, detersivi per piatti, pastiglie e polveri per lavastoviglie, nonché vari agenti per la pulizia di tutti i tipi di superfici. I ‘detergenti veri e propri’ sono i principi attivi dei detergenti, che contengono anche altre sostanze, come coloranti, odori, additivi sbiancanti e nutrienti. Grazie al costante sviluppo del settore dei detersivi, i produttori continuano a introdurre sul mercato prodotti nuovi, innovativi, contenenti ingredienti innovativi. Questi includono agenti tensioattivi all’avanguardia che migliorano la qualità e l’efficienza dei prodotti finali. Inoltre, queste sostanze sono sempre più frequentemente a base di ingredienti naturali, il che le rende meno invasive per l’ambiente.

L’agricoltura è in assoluto una delle industrie più importanti, in quanto responsabile della produzione alimentare. Ha un impatto anche su altri settori, come quello tessile, chimico, farmaceutico e altri. Ciò è soprattutto legato alla domanda dell’industria di diversi tipi di materie prime, necessarie nella produzione di beni specifici. I tensioattivi svolgono un ruolo importante nella produzione agricola. Grazie al loro utilizzo, i pesticidi – agenti appartenenti al gruppo dei prodotti fitosanitari – e i fertilizzanti sono più efficienti ed efficaci. Questo perché la capacità dei tensioattivi di ridurre la tensione superficiale dei liquidi di lavoro consente di ridurre il dosaggio di pesticidi o fertilizzanti per ettaro di coltura.

La capacità di ridurre le tensioni superficiali e le capacità emulsionanti e bagnanti sono le proprietà più importanti dei tensioattivi utilizzati nei prodotti agrochimici. Grazie a loro, i tensioattivi migliorano l’adesione di una sostanza chimica e la capacità delle sue goccioline di diffondersi sulla superficie di una pianta. Inoltre, ciò contribuisce anche a un assorbimento più rapido dei prodotti chimici per l’agricoltura, che riduce il rischio che vengano dilavati dalla pioggia. Ciò è particolarmente importante per le piante le cui foglie sono ricoperte da un sottile strato di cera. L’agricoltura utilizza principalmente tensioattivi a bassa schiuma, poiché la formazione di schiuma è un fenomeno indesiderato. Vale la pena notare che i tensioattivi sono utilizzati anche nella produzione di mangimi per animali e nella lavorazione di frutta e verdura.

Lo sviluppo dell’industria e delle tecnologie avanzate è legato alla progettazione e all’utilizzo sempre più intensivo di macchine e dispositivi specializzati e innovativi, e di conseguenza di sostanze responsabili del loro corretto ed efficiente funzionamento. È chiaro che una corretta preparazione della superficie migliora l’efficacia e la qualità del processo di trattamento dei metalli. Per questo motivo è necessario proteggere le parti della macchina che sono esposte all’abrasione causata dalle forze di attrito. Per prevenire questo fenomeno vengono utilizzati liquidi di lavorazione specializzati, indispensabili ad esempio nell’industria automobilistica, nella produzione di elettrodomestici, nella galvanizzazione e in altri settori in cui viene utilizzata la lavorazione dei metalli. Un componente obbligatorio dei liquidi di lavorazione industriale sono i tensioattivi. Le proprietà di questi composti sono, ad esempio, l’emulsione dei componenti oleosi dei liquidi di lavorazione e la corretta lubrificazione. I processi metallurgici sfruttano anche le capacità pulenti e sgrassanti dei tensioattivi.

Le materie plastiche sono una vasta gamma di materiali sintetici e semisintetici, che svolgono un ruolo importante in molti settori diversi. Per motivi ambientali, la loro produzione è soggetta a limiti e requisiti sempre più severi. Questo porta a un miglioramento costante della loro tecnologia di produzione, e di conseguenza a una migliore qualità dei prodotti finali, che includono pneumatici, guarnizioni, materiali isolanti, abbigliamento, mobili, pitture, vernici, adesivi e molti altri. I tensioattivi sono anche tra i componenti che compongono la plastica. Ad esempio, nella produzione del lattice, vengono utilizzate le loro proprietà emulsionanti, mentre per garantire un rivestimento più efficace delle superfici da verniciare è necessaria la capacità di bagnatura. Inoltre, i tensioattivi sono responsabili della più facile aggiunta di pigmenti alle vernici, mentre le loro proprietà di dispersione influenzano la forma finale di pitture e vernici.

L’industria tessile è coinvolta principalmente nel processo di materie prime destinate a fibre, tessuti non tessuti e tutti i tipi di tessuti. Il processo è molto complesso e comprende più fasi. Le operazioni di lavorazione chimica utilizzano coadiuvanti tecnologici, che contengono tensioattivi. Le principali qualità dei tensioattivi utilizzati nella lavorazione di fibre e tessuti sono l’elevata bagnabilità, le proprietà di lavaggio (preparazione di fibre e tessuti per la successiva lavorazione), proprietà sgrassanti (es. per la pulizia della lana), ed emulsionanti (es. per la tintura).

Le attrezzature e i locali di produzione nei settori alimentare, lattiero-caseario, della birra e di altro tipo sono strutture che richiedono il mantenimento di un’adeguata pulizia e igiene. Una regolare manutenzione in tali aree consente di mantenere condizioni di produzione sufficientemente igieniche, prolunga la durata delle apparecchiature e riduce il rischio di guasti e incidenti. L’igiene e la pulizia restrittive negli ospedali e in altre strutture pubbliche sono fondamentali per motivi di salute.

Le operazioni di lavaggio e lavanderia su larga scala condotte nelle lavanderie di hotel e ospedali, o anche in impianti di lavaggio industriali automatici, richiedono agenti di lavaggio e lavanderia sufficientemente avanzati con una composizione equilibrata. Per garantire un’efficacia sufficiente dei prodotti per la pulizia e il lavaggio, vengono utilizzate tecnologie di pulizia e lavaggio appropriate, che sfruttano tensioattivi specializzati con proprietà di bagnatura, pulizia e lavaggio personalizzate. Inoltre, questi agenti sono compatibili con i componenti disinfettanti e ne rafforzano gli effetti facilitando la penetrazione nelle superfici da pulire. I tensioattivi con proprietà equilibrate di produzione di schiuma e pulizia consentono di eseguire processi di lavaggio molto importanti per l’industria, ad es. CIP – Cleaning in Place. I tensioattivi svolgono quindi un ruolo chiave nei processi di pulizia industriale e istituzionale.

La struttura varia dei tensioattivi è decisiva per il loro uso su larga scala praticamente in ogni ambito della vita. Oltre alle già discusse applicazioni, questo gruppo di composti chimici svolge anche un ruolo importante in:

  • industria alimentare come stabilizzanti ed emulsionanti,
  • industrie cartarie e tessili come componenti di pitture, vernici, inchiostri e inchiostri per stampanti,
  • industria petrolifera e mineraria come demulsionanti per la desalinizzazione del petrolio greggio e come additivi per prodotti petrolchimici,
  • microelettronica nella formazione di particelle magnetiche,
  • prodotti farmaceutici,
  • agenti estinguenti che producono schiuma.

I tensioattivi anionici e non ionici sono i più utilizzati nell’industria. Gli agenti tensioattivi cationici sono usati molto meno comunemente a causa della loro minore biodegradabilità. I tensioattivi anfoteri, a causa dei loro elevati costi di produzione, vengono solitamente utilizzati per applicazioni specialistiche e in cosmetica.

Gli agenti tensioattivi anionici più popolari sono gli alchilbenzensolfonati lineari – LAS. Queste sostanze sono in uso di massa a causa del loro basso prezzo e della sicurezza per l’ambiente. Altri tensioattivi di uso frequente sono i solfati di alcol grassi e i loro alcossilati, nonché le alfa olefine solfonate. Tra i tensioattivi non ionici, invece, gli alcoli grassi ossietilati, gli alchilfenoli alcossilati e gli alchilpoliglucosidi sono utilizzati in maggior quantità.

Qual è l'impatto dei tensioattivi sull'ambiente?

I tensioattivi hanno un impatto limitato sull’ambiente naturale. Alcuni di essi sono facilmente biodegradabili e non mostrano effetti negativi su piante, animali o esseri umani. Inoltre, non contribuiscono all’inquinamento del suolo o dell’acqua.

Tuttavia, alcuni gruppi di agenti tensioattivi sono pericolosi per l’ambiente. I più dannosi sono i tensioattivi cationici, sebbene siano principalmente i loro metaboliti (come il nonilfenolo) a essere tossici, che si formano a seguito della decomposizione del tensioattivo da parte dei batteri. Queste sostanze possono essere assorbite rapidamente e interferiscono nel ciclo di vita di un organismo, causando disfunzioni . Le sostanze non biodegradabili rimangono nell’ambiente in forma immutata. A basse concentrazioni, di solito non rappresentano un pericolo grave.

Va notato, tuttavia, che alcuni agenti tensioattivi sono pericolosi anche per il corpo umano. Possono causare irritazioni alla pelle, agli occhi o alle vie respiratorie o persino danni. I tensioattivi possono anche essere dannosi se ingeriti. Di conseguenza, quando si lavora con questi composti, è necessario utilizzare dispositivi di protezione individuale adeguati

Quali sono le previsioni per il mercato dei tensioattivi?

Sia in Polonia che a livello globale, la domanda di tensioattivi continua ad aumentare, soprattutto in quelle regioni dove si trovano grandi concentrazioni di popolazione (Asia-Pacifico). Le ricerche di mercato disponibili confermano che l’ interesse per questo gruppo di prodotti chimici è in crescita e continuerà a crescere nei prossimi anni. Si ritiene che la causa principale di questa tendenza sia la crescente domanda della popolazione di detersivi, cosmetici e prodotti per l’igiene personale . Un altro fattore trainante della crescente domanda di tensioattivi sarà la crescita dell’industria e, di conseguenza, la domanda di agenti tensioattivi specializzati con funzioni e proprietà diverse. Il mercato di questi composti è oggi formato da diverse decine di grandi produttori e lo sviluppo dell’industria dei tensioattivi è deciso principalmente dalle innovazioni, dalla multifunzionalità dei prodotti, dall’individuazione di nicchie di mercato e dall’adeguamento della gamma specialistica alle singole esigenze dei clienti che operano in diversi settori. Per questo motivo, i produttori di tensioattivi si concentrano sull’implementazione di prodotti innovativi, sullo sviluppo di nuove tecnologie di produzione e sulla ricerca di nuove applicazioni specialistiche .

Il mercato dei tensioattivi è diviso in due parti . Il primo sono i tensioattivi prodotti e consumati in grandi quantità, chiamati tensioattivi di massa . Il secondo gruppo sono i tensioattivi specialistici , i cui parametri e proprietà sono personalizzati per le esigenze specifiche dei loro utenti. Entrambi questi gruppi sono molto apprezzati dai consumatori, principalmente aziende di prodotti chimici per la casa e per l’igiene personale, nonché produttori di formulazioni per applicazioni industriali. Le vendite sono effettuate direttamente dai produttori o tramite la rete di distribuzione .

I fattori che determinano le vendite dei tensioattivi sono: la domanda di prodotti fabbricati sulla base, le tendenze di sviluppo nelle industrie e le nuove tecnologie . Anche la condizione dell’economia , la politica monetaria e la capacità di ottenere finanziamenti esterni sono influenze significative. Anche i prezzi e la disponibilità delle materie prime, la concorrenza tra i fornitori di tensioattivi e i loro costi di produzione hanno un enorme impatto sulle vendite di tensioattivi.

La regione in cui il mercato dei tensioattivi sta crescendo più velocemente, sia in termini di vendite che di consumo, è l’area Asia-Pacifico . Attualmente, è il mercato più promettente per i produttori di questi composti. Il potenziale risiede in fattori macroeconomici, come l’elevata dinamica di crescita economica, i mercati insaturi, l’aumento della popolazione e l’aumento del tenore di vita. Il mercato europeo si differenzia da quello globale per la sua elevata saturazione e altamente competitivo. I maggiori consumatori di tensioattivi in Europa sono i paesi situati nella sua parte occidentale, in particolare la Germania.

La pagina è stata tradotta automaticamente. Apri la pagina originale